Archivi tag: USA

La guerra in Siria: analisi di scenario e interessi nazionali italiani

Report per il Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli, scritto assieme a Dario Citati.

Per scaricare il pdf CLICCA QUI.

Versione solo testo:

 

1. LA GUERRA CIVILE SIRIANA: fattori, attori e sviluppi interni

La guerra civile in Siria è cominciata nel 2011, sull’onda dei sommovimenti che quell’anno interessarono ampia parte del mondo arabo e che furono all’epoca denominati “Primavera araba”. La Repubblica Araba di Siria è dal 2003 l’ultimo superstite regime retto dal Ba’th, il partito nazionalista, panarabo e socialista che è stato al potere anche in Iraq. Dal 1970 la famiglia Assad detiene la Presidenza del Paese, prima con Hafiz e quindi con Bashar.
Nel 2011, all’alba del conflitto, la stabilità della Siria risentiva di diversi fattori negativi:
∎ povertà: malgrado le politiche di liberalizzazione economica perseguite dagli Assad, il Paese continuava ad avere un basso reddito. Particolarmente elevata era la disoccupazione giovanile;
∎ divisioni etniche: la maggioranza etnica di arabi includeva i ¾ della popolazione totale, compresi però anche 600.000 palestinesi (Damasco era sede del quartier generale di Hamas). Le minoranze etniche si presentavano inoltre geograficamente concentrate, dotate di una forte identità particolare e collegate con compatrioti oltre confine: è il caso dei curdi (10% della popolazione) e dei turcomanni (5%);
∎ divisioni religiose: oltre a una consistente minoranza cristiana (10% della popolazione), era presente un’importante suddivisione interna alla maggioranza islamica. Il 10% della popolazione era infatti alawita, ossia appartenente a un gruppo prossimo allo sciismo da cui provengono pure gli Assad. Malgrado il loro regime non avesse connotati nettamente settari, gli Assad si erano preferibilmente affidati ad alawiti per molte posizioni chiave nell’amministrazione e nelle forze armate. Hafiz aveva creato interi quartieri a Damasco popolati da alawiti provenienti dalla regione costiera, per meglio controllare la capitale.
Tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80 Hafiz al-Assad aveva dovuto contrastare e reprimere un’insurrezione capeggiata dai Fratelli Musulmani, movimento politico-religioso transnazionale di estrazione sunnita. Bashar al-Assad durante il proprio governo aveva cercato di conquistare consensi tra la maggioranza sunnita tollerando l’estendersi di rigide interpretazioni religiose (mossa che ha invece favorito il diffondersi di un islamismo ostile agli alawiti). Inoltre la riduzione dei fondi alle forze armate e al partito ha ridotto la loro capacità di controllare e indottrinare i giovani.
Il fatto che la nuova rivolta, incendiatasi nel 2011, abbia trovato il serbatoio principale tra i giovani delle periferie urbane dei grandi centri, di religione sunnita e sensibili alle predicazioni islamiste, ha presto conferito un carattere decisamente settario alla guerra civile. Le fazioni più laiche dei rivoltosi, per giunta fin dall’inizio alleate ai Fratelli Musulmani nell’Esercito Libero Siriano, sono state presto relegate a un ruolo di comprimario delle più forti milizie jihadiste, e in particolare delle due filiazioni di al-Qaida – Jabhat al-Nusra, oggi Hay’at Tahrir al-Sham, e lo “Stato Islamico di Iraq e del Levante” (meglio noto con l’acronimo inglese di ISIS). Importanti milizie islamiste sono pure Ahrar al-Sham e Jaysh al-Islam, ma esiste una vasta costellazione di formazioni minori. Sia “Jane’s” sia il Washington Institute hanno in momenti diversi stimato il peso degli estremisti islamici in circa il 50% dei rivoltosi totali; gran parte della restante metà era composta da islamisti meno radicali o da milizie di carattere locale, con solo una piccola porzione di forze realmente laiche e moderate.
Nel Settentrione la minoranza curda si è invece riunita sotto le insegne del PYD e della sua ala militare YPG. Col prosieguo del conflitto il YPG ha coalizzato attorno a sé varie milizie arabe nelle Forze Democratiche Siriane (FDS). Come conseguenza del carattere etno-settario della ribellione, anche il Governo ha fatto crescente ricorso agli alawiti per i propri quadri militari. La pratica di accordare l’evacuazione dei centri assediati, spesso grazie a tregue sotto l’egida dell’Onu, ha favorito il redistribuirsi della popolazione, col progressivo spostamento di una fetta di abitanti sunniti, quella ideologicamente più ostile al Governo, verso la regione di Idlib. È questa, assieme alla provincia di Deraa al Sud e a piccole exclavi nel centro del Paese, l’ultima zona ancora controllata dai ribelli arabi e turcomanni. La porzione nord-orientale della Siria è controllata ora dalle FDS a guida curda, minacciate da un’offensiva di milizie sostenute dalla Turchia. Il resto del Paese è tornato sotto il controllo del Governo.
L’acme della ribellione si era raggiunto nel 2015, quando sembrava concretamente in grado di scalzare Assad dal potere: dal settembre di quell’anno, grazie all’intervento diretto della Russia e ad un accresciuto sforzo iraniano, il Governo ha cominciato a riconquistare terreno. In questa fase le forze di Assad, sorrette da Russi e Iraniani, stanno procedendo a ripulire le sacche ribelli tra Hama e Homs e nella Ghouta Orientale. Dopo di che dovrebbero puntare verso le roccaforti ribelli a Nord e Sud, ossia Idlib e Deraa. Quest’ultima potrebbe rivelarsi particolarmente critica, poiché in prossimità del confine israeliano. La reazione di Gerusalemme al dislocarsi di forze iraniane o della milizia libanese Hizballah in prossimità del confine sarebbe prevedibilmente violenta. Un altro settore critico è quello dell’alto corso dell’Eufrate, dove già si fronteggiano milizie pro-turche e SDF a guida curda.

2. L’INTERVENTO RUSSO: obiettivi, effetti e motivazioni

Il 30 settembre 2015, la Federazione Russa ha dato avvio ad un intervento militare di massicce proporzioni, iniziando a bombardare le postazioni ribelli nelle province di Homs, Hama e Latakia. Dalla portaerei Admiral Kuznecov sono decollati i caccia multiruolo Su-33 Flanker-D, ma sono stati dispiegati con successo anche i MiG-29SMT e i bombardieri strategici TU-22M3 sino all’invio recente dei caccia di quinta generazione Sukhoi Su-57. A volte coordinata con le forze siriane e iraniane, altre volte condotta in autonomia, l’azione di Mosca è risultata decisiva per il rovesciamento delle sorti del conflitto, contribuendo alla riuscita di operazioni essenziali come la riconquista delle città di Palmira e di Aleppo nel 2016.
L’intervento russo non si è limitato peraltro alla sola dimensione aeronavale, ma ha contemplato anche il dispiegamento di forze terrestri sul campo, finalizzate a ricostituire reparti dell’esercito siriano ma con funzioni di comando e controllo gestite direttamente dai Russi. Ad esempio, nell’ottobre 2015 Mosca ha strutturato il 4° Corpo d’Assalto nella provincia di Latakia; un anno dopo a Damasco è stato costituito invece il 5° Corpo d’Assalto sotto la guida del Generale Valerij Asapov, poi ucciso da una scheggia di proietto di mortaio a settembre 2017 nel corso della battaglia di Deir Ezzor. Dal punto di vista tecnico-militare, la tutela russa della Siria è ben esemplificata dal dispiegamento delle batterie anti-missile S-300VM Antey-2500 e S-400 Triumf, localizzate intorno alle basi di Tartus e di Hmeimm. Tali sistemi di difesa sono deputati a intercettare e colpire i missili nemici entro uno spazio tecnicamente definito MEZ (Missile Engagement Zone), e vengono attivati tuttavia a discrezione dai Russi. Ad esempio, Mosca ha tollerato negli anni numerose incursioni israeliane in territorio siriano (come nel caso dei ripetuti attacchi all’aeroporto di Mezzeh, Damasco, per colpire depositi di munizioni di Hizbollah tra fine 2016 e inizio 2017).
La Russia è intervenuta in Siria principalmente per tre ragioni, di carattere allo stesso tempo strategico-militare e politico-diplomatico.
∎ In primo luogo, per garantire e ampliare la propria presenza marittimo-militare nel Mediterraneo: il porto di Tartus, tecnicamente definito «Punto di appoggio tecnico-militare n° 720», è infatti l’unica base mediterranea rimasta a Mosca dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica. La caduta di Assad avrebbe quindi implicato una grave perdita di posizione, in contrasto peraltro con tutta la nuova strategia navale russa, che prevede (dopo l’acquisizione della Crimea e la completa sovranità sul porto di Sebastopoli) un ampliamento dei punti di appoggio nel Mediterraneo, con negoziati in corso per avere facilitazioni nei porti di Limassol (Cipro), Sidi el Barrani (Egitto) e forse Tobruk o Bengasi (Libia). Siglando un accordo con il governo di Damasco il 18 gennaio 2017, Mosca si è impegnata ad ammodernare e ampliarne gli impianti, gli scali e le banchine in modo che Tartus arrivi ad ospitare simultaneamente fino a 11 unità navali russe, compresi i sottomarini a propulsione nucleare, garantendosi inoltre l’inalienabilità delle infrastrutture e l’immunità per il personale militare russo in loco. È proprio questo rafforzata presenza militare russa nella regione ad essere vista con sospetto e preoccupazione da parte di alcuni Paesi NATO, Stati Uniti in testa.
∎ In secondo luogo, la Russia ha tentato di porsi come il nuovo broker in Medio Oriente. Prima di intervenire militarmente, ha concertato la sua azione con diversi attori chiave della regione, in particolare con Israele (i capi di Stato Maggiore Eizenkot e Gerasimov hanno concordato la neutralità nelle rispettive operazioni aeree) e con l’Egitto di al-Sisi, con cui ha siglato molti accordi di cooperazione economica ottenendo importanti sponde diplomatiche (nell’ottobre 2016, il Cairo ha votato a favore della risoluzione russa sui bombardamenti ad Aleppo entrando in rotta di collisione con l’Arabia Saudita). Soprattutto, Mosca ha organizzato i Colloqui di Astana, l’iniziativa diplomatica per la pace in Siria parallela ai colloqui di Ginevra che ha avuto otto sessioni in tutto il 2017 riuscendo a far sedere allo stesso tavolo due grandi rivali, Turchia e Iran. Pur senza trovare una soluzione politica alla crisi siriana, i colloqui di Astana hanno raggiunto obiettivi tattici importanti, come la fissazione delle 4 de-escalation zones (Idlib, nord di Homs, periferia est di Damasco, zona di Deraa ai confini della Giordania). La tregua in questa zone è stata funzionale agli sviluppi successivi, cioè la sconfitta dell’ISIS e la ripresa di controllo del territorio da parte dell’esercito siriano.
∎ Infine, il contrasto all’ISIS e alle fazioni islamiche radicali anti-Assad ha avuto e riveste tuttora per Mosca un’importante finalità difensiva interna. Le popolazioni musulmane della Russia nel Caucaso settentrionale sono infatti sensibili al radicalismo sunnita e il rischio di foreign fighters e proliferazione del jihadismo è vissuta come una minaccia reale da parte di Mosca. Basti ricordare che uno dei leader militari più importanti dell’ISIS, Omar Al-Shishani, («Omar il Ceceno»), poi ucciso in battaglia, proveniva proprio da questa regione, e che Mosca ha pagato il proprio sostegno ad Assad con diversi attentati islamisti subiti sul proprio territorio sia prima sia dopo l’intervento militare (attentati di Volgograd di fine 2013, attentati alla metro di Pietroburgo di aprile 2017).
Nella versione ufficiale del governo russo, proprio quest’ultimo punto – la lotta al terrorismo – è quello maggiormente amplificato e che ha conferito a Mosca un certo prestigio presso l’opinione pubblica internazionale. Particolare rilievo ha assunto la riconquista della città di Palmira, simbolo delle devastazioni dell’ISIS. Dopo la sua liberazione, nel maggio 2016 il Cremlino vi ha organizzato un grande concerto di musica accreditandosi come il difensore e il restauratore della civiltà, e in particolare delle minoranze cristiane, contro la barbarie islamista. In tal modo la Russia ha cercato di prendersi tutto il merito della vittoria sul Califfato, oscurando il ruolo degli Stati Uniti, che in realtà con l’operazione Inherent Resolve hanno condotto numerosi raid contro le postazioni dello Stato Islamico tra Siria e Iraq dando un contributo importante proprio alla liberazione di Palmira.
Allo stesso tempo, la politica estera russa non è stata priva di ambiguità e cambi di posizione. L’esempio più eclatante è senz’altro l’atteggiamento nei confronti della Turchia e dei Curdi siriani. Sino al luglio 2016, Mosca riteneva Ankara uno dei maggiori sponsor del terrorismo, arrivando ad accusare personalmente il presidente turco Erdoğan e la sua famiglia. Parallelamente, garantiva un supporto diplomatico alla regione curda del Rojava (Nord della Siria), sostenendo la sua autonomia nel futuro assetto costituzionale della Siria pacificata. Dopo il tentato golpe in Turchia dell’estate 2016, Mosca ha approfittato dell’isolamento di Erdoğan, garantendogli informalmente mano libera contro i Curdi in cambio dell’accettazione turca del ruolo di Russia e Iran in Siria e in parte anche della permanenza di Assad. Da ambiguità simili non hanno potuto astenersi, del resto, nemmeno gli USA: i Curdi sono stato il loro braccio armato contro ISIS, ma Washington ha poi fatto poco per difenderli dalla controffensiva turca in Siria e da quella iraniana in Iraq.

3. IL RUOLO IRANIANO: le posizioni in Siria

Altro alleato di ferro del governo siriano, la Repubblica Islamica dell’Iran ha avuto un ruolo forse meno appariscente dal punto di vista della copertura mediatica, ma ancor più decisivo sul campo di battaglia. Gli obiettivi strategici di lungo periodo dell’Iran in Siria sono in realtà divergenti da quelli della Russia, al punto che il rapporto tra i due sponsor di Damasco potrebbe essere descritto nei termini di una «cooperazione tattica nell’ambito di una competizione strategica».
Mentre Mosca rimane un attore esterno alla regione, interessato comunque a trovare un equilibrio tra i Paesi dell’area e ritagliare per sé il ruolo di mediatore pur partendo dal sostegno al governo di Damasco, per Teheran la difesa di Bashar al-Assad rientra nel quadro di una affermazione regionale che si sostanzia nella creazione di un «corridoio pan-sciita» a guida iraniana. Il rafforzamento degli sciiti in Iraq, quello di Hizbollah in Libano, nonché lo stesso sostegno alla minoranza sciita degli Houthi in Yemen, sono gli ingredienti fondamentali di questa strategia, di cui tuttavia proprio la Siria costituisce il tassello fondamentale.
A differenza della Russia che non ha interesse ad uno scontro con il mondo sunnita (sia arabo-saudita sia turco) né con Israele, per l’Iran la guerra civile siriana ha rappresentato una grande occasione geopolitica per trasformare la Siria in uno Stato de facto satellite. Esistono calcoli molto discordanti e non facilmente verificabili su quanto la Repubblica Islamica abbia speso e investito per sostenere gli sforzi militari in Siria; si stimano cifre nell’ordine dei miliardi di dollari (che non hanno peraltro mancato di suscitare alcuni malumori interni considerata la situazione economica di Teheran).
La prassi operativa di Teheran in Siria si è articolata lungo tre direttrici fondamentali. Primo, la formazione e l’invio di milizie sciite di differenti nazionalità e provenienze, tra cui si possono menzionare la Brigata Abu al-Fadl al-Abbas, composta da sciiti siriani, le forze paramilitari irachene come Asa’ib Ahl al-Haq e Harakat al-Nujaba’, supportate ed equipaggiate dal corpo dei Guardiani della Rivoluzione, da membri di Hizballah libanese o dalle brigate Al-Quds del Generale iraniano Qasem Suleimani; o ancora la brigata Liwa Fatemiyoun («Brigata Fatima»), composta da combattenti sciiti di provenienza afgana o pakistana.
Secondo, l’Iran ha lavorato per una diretta assunzione di comando su interi reparti dell’Esercito regolare siriano: in diverse fasi del conflitto, ufficiali iraniani o libanesi hanno avuto accesso quasi esclusivo alle sale operative, con piena facoltà di trasferire dal fronte i soldati siriani e persino di passarli per le armi in caso di collaborazione col nemico. In particolare, la 9a Divisione dell’Esercito siriano sarebbe stata sotto il comando diretto degli Iraniani, almeno stando ai racconti di alcuni disertori.
Terzo, la leva etno-demografica: mentre si è assistito al ricollocamento di abitanti sunniti ostili ad Assad nella regione di Idlib, l’Iran ha provveduto a favorire un massiccio reinsediamento di popolazione sciita nelle aree al confine con il Libano, al fine di fare della Siria una continuazione geografica di quest’ultimo.
La domanda su cui da mesi si interrogano gli esperti è proprio quanto sia forte il controllo dell’Iran sugli apparati politico-militari di Damasco, quanto strutturata la sua presenza militare in Siria e in generale la sua influenza diretta sul Paese. Di recente sono aumentati gli attacchi israeliani su obiettivi iraniani in Siria: a fine dicembre 2017 è stata colpita la base di Al-Kiswah, 14 km a Sud di Damasco; nelle scorse settimane un attacco missilistico è stato sferrato dagli F-15 israeliani sulla base aerea T-4 nella provincia di Homs. L’eccessivo peso iraniano sulla Siria è fonte di difficoltà anche per la Russia, che formalmente continua a fare fronte comune con Teheran di fronte all’attacco missilistico occidentale, ma sa che sul piano della soluzione diplomatica il controllo iraniano su Damasco è l’ostacolo principale ad un negoziato internazionale e alla pacificazione della Siria.
Accanto alle preoccupazioni di Israele, Arabia Saudita e in certa misura anche della stessa Turchia, il ruolo dell’Iran è problematico anche per il controverso rapporto con organizzazioni terroristiche. A parte il noto patrocinio iraniano di Hizballah (un partito politico in Libano, ma considerato organizzazione terroristica da USA, Israele, numerosi Paesi arabi e, limitatamente al suo braccio militare, anche UE), dall’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, la CIA ha diffuso migliaia di documenti declassificati che proverebbero legami, almeno in passato, tra Teheran e al-Qaida, i cui membri avrebbero trovato rifugio e supporto proprio in Iran. Dell’esistenza d’un rapporto tra Iran e al-Qaida è uno dei massimi assertori il nuovo Segretario di Stato americano Mike Pompeo, e proprio il mutato atteggiamento della nuova amministrazione USA sul dossier iraniano è una delle chiavi per comprendere le evoluzioni e le prospettive degli scenari nella regione.

4. LA POLITICA AMERICANA DA OBAMA A TRUMP

Il Presidente Barack Obama diede all’epoca un pieno appoggio alle rivolte arabe del 2011. Nella sua concezione strategica la democratizzazione di quei Paesi, anche laddove avesse portato al potere movimenti islamisti (come accadde coi Fratelli Musulmani in Egitto), avrebbe comunque contribuito a stemperare il sostegno popolare per le forze più estremiste e violente, nonché le tensioni tra molti Paesi arabi e sunniti e l’Iran persiano e sciita (con quest’ultimo Obama stava cercando una distensione, concretizzatasi nell’accordo sul nucleare del 2015).
Le previsioni di Obama si rivelarono errate. Pochi esperimenti democratici hanno fatto qualche progresso (vedi la Tunisia); alcuni pre-esistenti hanno persino mostrato segni di regressione (Turchia). Nella generale instabilità i gruppi jihadisti, con al-Qaida in testa, hanno trovato maggiori spazi, giungendo a controllare ampi “Stati de-facto”. La scissione qaidista dello Stato Islamico, dalla base in Siria e Iraq che, al suo acme, minacciava Damasco e Baghdad, ha scatenato una campagna di violenze transnazionali, che ha portato l’Europa a conoscere una stagione di attacchi terroristici che per brutalità supera anche quella degli anni ‘70. Infine, le guerre civili in Siria e Yemen, l’insorgenza in Iraq, le tensioni perduranti in Bahrain e Libano, hanno portato a nuove vette lo scontro diplomatico e, per procura, anche militare tra Iran e Arabia Saudita, minacciando la regione col pericolo di una grande conflagrazione bellica.
La Siria ha esemplificato meglio di qualunque altro Paese il fallimento della strategia obamiana: sulla guerra civile interna si è innestato lo scontro tra l’Iran e il blocco sunnita capeggiato da Ryad, e in questo clima sia le milizie jihadiste sia Hizballah si sono notevolmente rafforzate. L’imbarazzo e le difficoltà della Presidenza Obama si sono rivelate nella maniera incerta con cui ha trattato la materia siriana: le offensive diplomatiche contro Assad non seguite da quelle militari, la “linea rossa” sulle armi chimiche non rispettata, l’ampia autonomia concessa all’alleato turco nel sostenere i ribelli a prescindere dalla loro compatibilità con l’Occidente, il fallimentare tentativo di addestrare milizie pro-Usa, il campo aperto lasciato alla Russia per estendere la propria influenza sul Paese. In ultimo, Obama ha scelto di focalizzarsi sul sostegno al YPG curdo in funzione anti-ISIS, una linea di condotta ereditata e portata alle estreme conseguenze dal successore Donald Trump.
Sotto la Presidenza Trump lo Stato Islamico in Siria e in Iraq è stato annientato, mentre nel contempo gli Usa hanno lasciato che il Governo riconquistasse importanti posizioni (come Aleppo) ai ribelli, per lo più estremisti islamici. La nuova Amministrazione americana ha fin da subito promesso di concentrarsi sull’annientamento dello Stato Islamico e di non fare una priorità del rovesciamento di Assad. Se la presenza di soldati americani in supporto alle SDF curdo-arabe è aumentato, il Presidente Trump ne ha annunciato il prossimo ritiro a inizio aprile. Il desiderio di disimpegnarsi dalla Siria si scontra tuttavia con tre ordini di problemi:
∎ il denunciato ricorso ad armi chimiche da parte del Governo: una “linea rossa” tracciata da Obama ma che Trump ha fatto un punto d’onore nel voler far rispettare. Tuttavia, anche senza bisogno di accodarsi alle accuse dei critici secondo cui si tratterebbe di macchinazioni utilizzate come pretesto per intervenire, si può tuttavia assumere che questo sia più un casus belli che la motivazione profonda degli interventi americani;
∎ la situazione di perdurante conflitto, che ha trascinato in differente ordine d’intensità anche Turchia e Israele, con un latente rischio di escalation. Washington non vuole lasciare a Mosca l’onere, ma anche l’onore, di fare da mediatore tra le parti e divenire dunque il punto di riferimento diplomatico nella regione;
∎ l’ascendente guadagnato dall’Iran sulla Siria, divenuto quasi un proprio feudo, laddove il Presidente Trump vuole invece contrastare la crescente influenza di Tehran sulla regione. In ciò trova l’incoraggiamento di vari partner, in primis Israele e Arabia Saudita, le cui aspettative – a differenza di Obama – Trump non sembra voler frustrare. Le recenti nomine di Mike Pompeo e John Bolton lasciano presagire una crescente attenzione, e non certo amichevole, verso l’Iran.
Queste esigenze contrastanti hanno fatto sì che, finora, la politica americana in Siria si mostrasse ambivalente e soggetta a improvvise variazioni. È probabile che Washington cercherà d’avere una forte voce in capitolo nella sistemazione del futuro assetto della Siria, tutelando la frontiera nord-orientale di Israele e limitando il peso russo e soprattutto iraniano nel Paese – cosa che si potrebbe ottenere con una qualche forma di cantonalizzazione e l’avviamento di un processo politico che superi l’attuale fisionomia del regime.
Sia lo scorso anno, sia in occasione della seconda e recente incursione aerea contro il Governo siriano, il Presidente Trump ha ribadito la natura una tantum dell’azione militare e la volontà di non impegnare i militari americani in una nuova guerra in Medio Oriente. In tal senso le due opposte esigenze ­­­̶ disimpegnarsi dalla Siria ma determinarne il destino ­­­̶ possono trovare una sintesi in questo tipo d’azioni, il cui significato è mostrare la supremazia militare americana per ottenere col minimo sforzo la soddisfazione delle proprie richieste. L’occasionale ricorso alla forza militare contro il Governo mira cioè a riaffermare il peso degli Stati Uniti sul tavolo negoziale, rispetto al quale si sono finora trovati ai margini per via del maggior successo della strategia russa.
Una durevole e pacifica ricomposizione del quadro siriano non potrà tuttavia prescindere da una collaborazione tra Mosca e Washington, che dovranno mediare tra le ancor più distanti posizioni che separano vari attori esterni: Turchi e Curdi, Iraniani e Israeliani, Iraniani e Sauditi. In mancanza di una tale cooperazione tra Russia e Usa, la Siria è condannata a rimanere ostaggio di una “guerra per procura” senza termine, e a fungere da catalizzatore d’ostilità regionali e centro di diffusione d’instabilità e terrorismo. Lo stesso proposito del Presidente Trump di disimpegnarsi dal Paese non potrà avverarsi, e lo stesso vale per la volontà del Presidente Putin di non estendere sine die lo sforzo militare russo in loco.

5. L’INTERESSE NAZIONALE DELL’ITALIA

Senza dubbio l’Italia non può tollerare l’utilizzo di armi chimiche, proibite dall’apposita Convenzione internazionale di cui dal 2013, grazie alle pressioni americane, anche la Siria è parte. Stante tuttavia la mancanza di chiarezza su precise responsabilità negli ultimi presunti attacchi chimici, e per evitare che le cancellerie internazionali siano manovrate da tattiche propagandistiche poste in essere da attori locali, si dovrebbe affrontare la materia sfruttando gli strumenti messi a disposizione dall’ONU.
Tra 2013 e 2014 una missione congiunta ONU-OPCW (quest’ultima è l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche, creata dalla succitata Convenzione) ha presieduto allo smaltimento dell’arsenale d’armi proibite detenuto dal Governo siriano. La OPCW ha regolarmente investigato i casi di presunto utilizzo d’armi chimiche in Siria. Rispetto alla strage avvenuta a Khan Shaykun nel 2017, a seguito della quale avvenne il raid americano contro posizioni governative, l’indagine non ha trovato prove sufficienti per assegnare la paternità del crimine alle forze di Assad. La precedente investigazione aveva riguardato un caso di utilizzo di gas mostarda presso Aleppo, sebbene non si siano trovate prove a sufficienza della responsabilità dei ribelli, denunciata dal Governo. In anni precedenti altre indagini erano comunque riuscite a indicare una responsabilità: in due occasioni (2014 e 2015) da parte del Governo per l’uso di cloro e una volta (2015) da parte di ISIS per l’uso di gas mostarda. Una nuova squadra investigativa si è recata a Douma, sede dell’ultimo presunto attacco. Attendere l’esito di questa nuova indagine sarebbe stato opportuno, per non far precipitare la situazione in assenza di certezze.
Va rammentato che fino al 2015 l’UE ha introdotto varie restrizioni e sanzioni verso la Siria. Da allora, stando almeno al numero di indagini condotte dalla OPCW, l’uso di armi chimiche nel Paese appare diminuito: la vigilanza dovrà comunque rimanere massima finché esso non sarà azzerato, ma nelle ultime occasioni non si è potuta stabilire la paternità dell’attaccante. Il timore è che questi episodi siano utilizzati come pretesto per interventi che rispondono invece all’interesse nazionale degli attori che li realizzano.
Da parte italiana, la stabilizzazione della Siria e lo scongiuramento di escalation internazionali appare come il principale interesse nazionale rispetto al Paese mediorientale.
La guerra civile in Siria ha portato verso l’Europa grosse masse di profughi, con tutti i problemi di natura socio-economica ad esse connessi. Inoltre diversi espatriati siriani, o persone capaci di farsi identificare come tali, hanno partecipato ad attentati terroristici in Europa, rivelando come questo flusso di persone difficilmente controllabile costituisca una grave falla alla sicurezza. In Siria si trovava, e ancora si trova seppure non più sotto forma statuale, il centro d’irradiazione del terrorismo che ha investito il continente negli ultimi anni provocando centinaia di vittime. Solo grazie all’accorta opera delle nostre forze di sicurezza l’Italia è finora rimasta immune a tale tipo di attacchi.
In secondo luogo, la guerra civile siriana, coinvolgendo numerosi attori esterni – a livello individuale, collettivo e statuale – diffonde instabilità e conflittualità nella regione. Migliaia di estremisti hanno acquisito armi, tecniche e connessioni combattendo in Siria, e molti di essi faranno ritorno nel Paese d’origine, o si sposteranno in altri Paesi, per portarvi terrorismo e guerriglia – sulla falsariga di quanto accaduto dopo la Guerra in Afghanistan, negli anni ‘90. Ad esempio la Tunisia, che ha il massimo numero pro capite di volontari stranieri in Siria e sta attraversando una delicata fase di consolidamento democratico, è a serio rischio. Israele guarda con preoccupazione al rafforzamento conseguito da Hizballah.
La guerra civile siriana ha inoltre acuito vecchi odi come quelli tra sciiti e sunniti e tra curdi e turchi, che si riverberano poi su tutti i Paesi che possiedano la medesima composizione al loro interno.
Infine il conflitto dentro la Siria acuisce le tensioni tra Iran e Arabia Saudita, Iran e Israele, Russia e USA. Vista la prossimità geografica, il rilievo delle importazioni petrolifere, la strategicità del Canale di Suez, e a fronte del troppo trascurato strumento militare di cui dispone, l’Italia si troverebbe in balia delle ricadute di qualsiasi ulteriore crollo statuale, guerra civile o conflitto inter-regionale che dovesse esplodere nel Vicino Oriente o in Nordafrica. Anche le tensioni tra USA e Russia sono negative, poiché è opinione diffusa in Italia – e supportata da solidi fatti – che Mosca non costituisca una credibile minaccia per la NATO. Continuare a prioritizzare il confine orientale in nome d’una presunta minaccia russa non fa che rendere trascurata la frontiera meridionale, laddove si addensano più sfide e minacce per tutta l’Alleanza Atlantica; ma con l’Italia – vista la posizione geografica – in avanguardia.
Il Governo italiano dovrebbe pertanto concorrere a stemperare le tensioni catalizzate dalla Siria, dissuadendo alleati e partner da azioni di forza avventate e da posizioni di troppo radicale contrapposizione verso interlocutori necessari, quale la Russia. Così come già riuscì a fare al tempo del Vertice di Pratica di Mare, l’Italia può fungere da mediatore tra USA, Europa e Russia, la cui partnership è imprescindibile per la stabilizzazione della Siria. In particolare Mosca, garantita nei suoi interessi fondamentali (il mantenimento della base navale di Tartus, l’estirpazione degli estremisti islamici, il riconoscimento del suo ruolo diplomatico), potrà moderare i propri alleati (Iran e Bashar al-Assad) affinché si venga incontro alle preoccupazioni di vari Paesi della regione per l’accresciuta influenza iraniana e lo status degli abitanti sunniti, pur nel riconoscimento (necessario salvo voler intraprendere una qualche campagna di tipo militare) del dato di fatto del successo bellico del Governo siriano e dei suoi alleati.
L’Italia potrà in tal senso agire attraverso i canali bilaterali, quelli multilaterali come NATO e UE, e non ultimo anche l’OSCE, l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, di cui assumerà la Presidenza di turno a partire dal 1 gennaio 2018 per dodici mesi. La nostra diplomazia ha già previsto, tra le priorità della Presidenza OSCE, un maggiore focus sulle sfide e le opportunità provenienti dal Mediterraneo e una particolare attenzione per il dialogo strutturato che ripristini il clima di fiducia tra gli Stati membri (che includono anche gli USA e la Russia).
Inutile precisare che, per un’efficace azione diplomatica da parte italiana, è necessaria la costituzione di un nuovo governo dotato di una maggioranza parlamentare e di fiducia nel Paese.

 

Annunci

A cosa servono i dazi di Trump

Fonte: L’Huffington Post

 

Il 23 marzo le autorità statunitensi cominceranno a raccogliere i dazi, annunciati a inizio mese dal Presidente Trump, sull’acciaio importato. Questa decisione ha suscitato vivaci proteste da parte di molti altri Paesi, anche perché non si è ancora capito quali otterranno delle esenzioni (oltre a Messico e Canada, partner nella NAFTA, già annunciati).

In maniera analoga a come accade in diversi altri settori, da decenni l’industria occidentale dell’acciaio è declinante a causa dell’emergere di quella di altri Paesi. Gli Usa, l’Italia e gran parte degli altri Paesi europei producono oggi meno acciaio grezzo di quanto ne sfornassero nel 1980. In compenso la produzione cinese è aumentata del 2000%, quella indiana del 1000%, quella turca del 1400%.

La Cina da sola produce metà dell’acciaio grezzo mondiale. Donald Trump ha, fin dalla campagna elettorale, annunciato di voler contrastare la deindustrializzazione e la compressione salariale dei “colletti blu” con misure restrittive dell’immigrazione e con politiche commerciali improntate al fair trade. I dazi sull’acciaio (e sull’alluminio) rientrano chiaramente in questo quadro.

Malgrado le proteste in nome del libero scambio, in anni recenti pure l’Unione Europea ha imposto vari dazi sui prodotti cinesi in acciaio, favorendo una ripresa di questo settore industriale dopo gli anni più bui seguiti alla crisi del 2008.

Ci si può chiedere perché Washington non abbia semplicemente replicato la mossa europea, imponendo dazi solo sull’acciaio cinese. Vi sono un paio di spiegazioni: l’esperienza europea dimostra che una parte dei medesimi prodotti sfugge ai dazi venendo importata da Paesi terzi; la Cina non è tra i maggiori esportatori d’acciaio negli Usa.

In Europa la più colpita dai dazi di Trump è la Germania, che non a caso spinge perché l’Ue effettui una rappresaglia coordinandosi con la Cina (che è dominante nel mercato dell’acciaio ed è il bersaglio grosso della strategia protezionista complessiva degli Usa) e la Turchia (Ankara esporta più del doppio dell’acciaio di Berlino negli Usa).

In realtà i Paesi Nato avrebbero un’alternativa alla guerra commerciale con gli Usa, per evitare i dazi. Trump ha già annunciato l’esenzione gli alleati che rispettano l’impegno preso di investire il 2% del Pil per la Difesa. La connessione logica è questa: l’acciaio è ritenuto essenziale per la sicurezza nazionale, sicché chi contribuisce alla difesa collettiva (e acquista più armamenti dagli Usa) può essere esentato dai dazi americani.

Tuttavia, l’obiettivo del 2% del Pil in spese militari è ad oggi disatteso da quasi tutti (per la Germania è l’1,2%, per l’Italia l’1,5%). Il clima dell’opinione pubblica europea non sembra favorevole ad approvare maggiori spese per la Difesa, e leader come Angela Merkel sono divisi da Trump da motivazioni ben più profonde che non i semplici dazi. Ecco perché la scelta sarà presumibilmente quella di rappresaglie simmetriche, pur col rischio di una guerra commerciale prolungata con Washington.

Rottura fra Trump e Bannon: perché e cosa cambierà nella politica americana

Fonte: L’Huffington Post

 

Le dichiarazioni che Steve Bannon avrebbe affidato all’imminente libro di Michael Wolff, nelle quali definisce “traditore” e “non patriottico” il presunto ‘incontro del figlio e del genero di Donald Trump con una funzionaria russa, hanno suscitato la veemente risposta dello stesso Presidente. Come si può spiegare quest’improvviso scontro tra Trump e il suo ex stratega, e quali conseguenze avrà sulla politica americana?

Sebbene oggi Donald Trump cerchi di minimizzare il suo passato rapporto con Bannon, l’attuale presidente della testata Breitbart fu a capo della vittoriosa campagna elettorale e quindi nominato Chief Strategist alla Casa Bianca. Soprattutto, Bannon è stato più di un semplice membro dello staff: è un influente ideologo della destra americana, forte di un consistente patrimonio personale (le stime si spingono fino a quasi 50 milioni di dollari), dirigente di una testata che su Internet compete coi maggiori quotidiani mondiali.

La sua stella all’interno dell’Amministrazione è rapidamente declinata: già il 5 aprile scorso era stato escluso dal Consiglio di Sicurezza Nazionale, e il 18 agosto dimissionato totalmente dalla Casa Bianca. Tuttavia era rimasto in apparentemente buoni rapporti con Trump, il quale lo aveva congedato con un tweet lusinghiero e aveva continuato a sentirlo regolarmente. In cambio, Bannon aveva continuato a sostenere Trump, imputando tutte le mancanze della sua Amministrazione all’influenza negativa di quelli che chiama i “globalisti” attorno al Presidente: in primis il genero Jared Kushner, la figlia Ivanka, il consigliere economico Gary Cohn e il consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster.

Abbandonata la Casa Bianca, Bannon aveva ripreso le redini di Breitbart con l’intento di difendere Trump dai suoi nemici interni – missione talvolta spintasi fino a difendere il trumpismo da Trump stesso. Il punto di maggior tensione si era raggiunto in settembre: il Presidente, allontanato Bannon, sembrava aver raggiunto un accordo coi democratici per un’ampia amnistia agli immigrati (i cosiddetti Dreamers, giunti nel Paese quando ancora erano minorenni) e alle primarie per il seggio senatoriale in Alabama aveva deciso di appoggiare un candidato molto vicino all’establishment repubblicano guidato da Mitch McConnell, acerrimo nemico di Bannon.

Il presidente di Breitbart aveva reagito proiettandosi direttamente nell’agone politico e sostenendo, assieme ad altri nomi eccellenti della Destra populista americana (come Phil Robertson e Sarah Palin), il candidato Roy Moore. Da questo scontro tra Bannon e Trump era uscito sorprendentemente vincitore il primo: il netto successo di Moore alle primarie ha indotto a pensare che la base trumpiana possa muoversi a prescindere, e persino a dispetto, di Donald Trump. In quella fase Steve Bannon girava l’America incontrando potenziali investitori e candidati per cercare di accaparrarsi nel 2018 tutti i seggi senatoriali in palio contro i candidati dell’establishment repubblicano.

Arriviamo così alla recente ed esplosiva uscita di Bannon. A sorprendere non è stato tanto l’attacco a Donald Trump Jr. e a Jared Kushner, con cui notoriamente si detesta (ricambiato appieno); il vero carico da novanta è stata la scelta di un tema tanto sensibile quale il Russiagate e l’utilizzo di un termine pesantissimo quale “tradimento”. Una reazione da parte della Casa Bianca era prevedibile, sebbene non della portata in cui effettivamente è avvenuta – uno sconfessamento totale e una demolizione del personaggio Bannon, rompendo un rapporto già incrinato ma ancora salvabile (Bannon si era sempre guardato bene dall’attaccare direttamente Donald Trump, e anche dopo l’ultimo scambio di cortesie lo ha voluto definire “un grande uomo”).

Se Bannon avesse sferrato un duro attacco alla famiglia di Trump, o persino al Presidente stesso, a settembre o a ottobre quando il malcontento della base era forte, e focalizzandosi su un tema gradito ai suoi seguaci (come l’immigrazione), avrebbe probabilmente ottenuto più consensi che rimbrotti. Il problema è che l’anticipazione del libro di Wolff è arrivata a inizio gennaio, dopo che il candidato bannoniano in Alabama ha clamorosamente perso le elezioni contro il rivale democratico (in realtà a pesare in maniera decisiva sono stati fattori extra-politici, ossia le accuse di molestie sessuali anche a minorenni per Moore, ma la vicenda ha comunque indebolito grandemente Bannon) e in un momento in cui l’azione di governo e le declamazioni retoriche di Trump, sempre oscillante tra la destra radicale e il centro moderato, pendono più verso il primo che verso il secondo. In un momento cioè di luna di miele tra Trump e la sua base.

Oggi, nell’improvviso scontro tra Trump e Bannon, la base della destra populista propende decisamente, e per i fattori suddetti, verso il Presidente. Anche la scelta di cavalcare un tema come quello del Russiagate, che per i trumpisti (e fino a ieri anche per Bannon) sarebbe una montatura dello “Stato profondo” e dei democratici, e che nelle ultime settimane ha visto la demolizione a mezzo stampa (in particolare Fox News) dell’inchiesta Fbi accusata di partigianeria, non ha aiutato Bannon. Sulla stessa Breitbart la maggioranza dei commenti sono ostili a Bannon, e così sono le prese di posizione di molti nomi minori – ma che tuttavia possono fungere da polso del movimento – della destra radicale americana, come Jack Posobiec o Mike Cernovich. Anche commentatori vicini a Bannon, come Ann Coulter o Milo Yiannopoulous, si sono guardati bene dal difendere il presidente di Breitbart. Che, del resto, a oggi non si è difeso nemmeno da solo, lasciando palesemente disorientati i propri collaboratori.

Non sappiamo a quando risalgano le dichiarazioni di Bannon a Wolff, e ciò potrebbe spiegare l’infelice scelta dei tempi. Bannon ha la tendenza a parlare a ruota libera (come ricordano Cernovich e la sua ex giornalista McHugh) e questo potrebbe spiegare l’infelicissima scelta del tema e dei termini. Considerando però che Wolff ha una storia di contestazione dei suoi virgolettati, Bannon avrebbe ben potuto impugnare la veridicità delle frasi attribuitegli, ma non lo ha fatto. Forse impossibilitato a farlo dall’esistenza di una registrazione? Ma addirittura Breitbart ha rilanciato senza commento l’anticipazione del Guardian.

Ciò lascia pensare che Bannon abbia realmente inteso esprimere quelle opinioni e che fosse deciso a rivendicarle. Saremmo dunque di fronte a un suo errore di valutazione: ha sopravvalutato la propria capacità di spostare a piacimento l’opinione dei propri seguaci (che sono anche, al 99%, seguaci di Trump) e sottovalutato la possibile, devastante reazione del Presidente.

Alla base c’è forse, come suggeriscono alcuni, l’ambizione accarezzata da Bannon di diventare politico egli stesso e cercare la candidatura presidenziale nel 2020. Apparentemente fantapolitica, vista la divisività del personaggio, ma nulla appare più impossibile nella politica americana dopo l’imprevedibile successo di Donald Trump. Se anche fosse così, Bannon avrebbe giocato male le sue carte più recenti. Da fine settembre, quando era in grado di lanciare un’opa sull’intero Partito Repubblicano, a oggi si è beccato una scoppola elettorale in Alabama, la scomunica da parte di Donald Trump e forse pure un allentamento dei rapporti coi suoi grandi finanziatori, i miliardari Mercer – che sono pure comproprietari di Breitbart col fondatore e Ceo Larry Solov e con la vedova dell’altro fondatore ed eponimo Andrew Breitbart.

Alla luce di questi fatti, diventa molto improbabile per Bannon riuscire anche solo a proseguire nella sua “guerra civile” contro l‘establishment repubblicano per la conquista dei seggi senatoriali in palio nel 2018. A meno che la situazione degeneri fino a una cacciata di Bannon da Breitbart (Trump è un tipo vendicativo e potrebbe spingersi fino a fare pressioni in tal senso), l’ex stratega della Casa Bianca dovrebbe rimanere come una voce importante e influente della destra americana, ma ridimensionando comunque le proprie ambizioni.

Ciò dovrebbe rafforzare la posizione dell’establishment repubblicano, che spinge per politiche più “centriste” in particolare sull’immigrazione e la politica estera (vale a dire: no al muro sul confine col Messico, amnistia per i Dreamers, un afflusso costante e cospicuo d’immigrati, nessuna distensione con la Russia, maggiore cautela con la Cina); e dovrebbe di converso indebolire Trump, che deve la propria popolarità a promesse elettorali totalmente di segno opposto, e che perderà in Bannon un alleato forse incontrollabile ed egocentrico, ma sinceramente schierato sulle sue posizioni.

Trump conquista consensi

Fonte: Gli Occhi della Guerra

La popolarità del presidente americano Donald Trump, racconta la stampa, starebbe crollando a picco, complici il Russiagate, gli scogli giudiziari e parlamentari ai suoi provvedimenti più radicali, e la “resistenza” proclamata dai progressisti nel Paese.

In effetti ci sono diversi sondaggi che corroborano l’idea che il Presidente americano sia molto impopolare: secondo l’aggregatore FiveThirtyEight l’approvazione per Trump sarebbe sotto il 40%. Come sempre, però, è bene non lanciarsi in conclusioni affrettate.

Un primo fatto che impone cautela è l’analisi storica di questi dati. L’unico presidente che, al giorno 150 di mandato, aveva un’approvazione bassa quanto quella di Trump, è stato Bill Clinton; il quale riuscì tuttavia a vincere un secondo mandato e a lanciare in politica la propria moglie, Hillary, facendole sfiorare la Presidenza degli Stati Uniti. I presidenti dell’ultimo mezzo secolo che al giorno 150 avevano l’approvazione più alta sono invece George H.W. Bush e Jimmy Carter: entrambi sonoramente bocciati da parte dell’elettorato quando hanno cercato di essere rieletti.

A indurre ulteriormente cautela sui proclami di sondaggisti e giornalisti è quanto avvenuto con le cinque elezioni suppletive per la Camera dei Rappresentati che si sono svolte dall’elezione di Trump a oggi. È in tali consultazioni che la disapprovazione registrata dai sondaggi avrebbe dovuto manifestarsi concretamente: i democratici lo sapevano e hanno speso cifre record nelle campagne elettorali. Ma di queste cinque elezioni i democratici ne hanno vinta una sola, in California, in una circoscrizione dove l’unico candidato repubblicano ha preso il 3,5%, superato persino dal candidato dei verdi. Chiamarla roccaforte democratica sarebbe riduttivo.

Nelle altre quattro e più competitive elezioni hanno vinto i candidati repubblicani. Si è trattato in tutti i casi di riconferma in seggi che già erano repubblicani, talvolta con dei cali percentuali, ma a contare è la vittoria o sconfitta finale: e i repubblicani hanno retto ovunque. Si potrebbe tuttavia pensare che, in questi casi, l’autorevolezza del Grand Old Party sia stata capace di controbilanciare l’effetto deleterio dell’impopolarità di Trump.

A far dubitare di ciò è il fatto che due dei quattro vincitori repubblicani siano trumpiani di ferro: Greg Gianforte e Karen Handel. Entrambi hanno prima sopravanzato i candidati repubblicani più moderati, e poi conquistato anche l’elettorato generale (ripercorrendo quanto fatto, più in grande, dal loro nume tutelare che oggi siede alla Casa Bianca).

Gianforte è un uomo d’affari che ha cavalcato la sua estraneità alla classe politica e ha espresso sostegno per molti cavalli di battaglia trumpiani: lottare contro l’élite progressista, punire le “città santuario” (ossia le amministrazioni urbane che apertamente sfidano la legge federale proteggendo gli immigrati clandestini), togliere i finanziamenti all’organizzazione Planned Parenthood che promuove e pratica l’aborto nel Paese. Ha attirato notevole attenzione a livello internazionale perché in campagna elettorale ha avuto uno scontro fisico con un cronista del “Guardian”, celebre testata britannica di sinistra. L’aver sollevato di peso e scaraventato a terra il giornalista britannico gli è costato una multa e una condanna ai servizi sociali, ma non le elezioni.

Anche Karen Handel proviene dal mondo degli affari, ma già da alcuni anni si dedica a tempo pieno alla politica. Nel primo turno si è classificata a sorpresa come prima candidata repubblicana e, malgrado il democratico Ossof partisse da oltre il 48% dei voti, lo ha sopravanzato al ballottaggio. La sconfitta è stata tanto più bruciante per i democratici perché il trentenne e inesperto Jon Ossof aveva beneficiato di una campagna da 25 milioni di dollari, la più costosa di sempre per un seggio alla Camera.

Sono ormai due anni che i sondaggisti danno Donald Trump per (politicamente) morto; ma da due anni, a ogni elezione reale, il miliardario newyorkese riesce a ribaltare i pronostici e uscire vittorioso.

Trump-Comey: immagine dello scontro istituzionale USA

Fonte: Roberta Testa, L’Indro

 

Ieri la tanto attesa deposizione di fronte al Senato statunitense dell’ex direttore dell’FBI, James Comey. E piovono dichiarazioni che, inevitabilmente, si ripercuotono sullo stesso Donald Trump che proprio il 9 Maggio scorso aveva dato il ben servito all’allora numero 1 dell’FBI, proprio quando stava portando avanti l’indagine sui presunti rapporti tra amministrazione americana e russi. Il mondo è rimasto lì, immobile ed attento, ad ascoltare le parole di Comey, parole con un alto potenziale di rischio per aprire una strada (davvero) concreta verso l’impeachment. «Quando diventai direttore dell’FBI nel 2013, capii che sarei stato al servizio del Presidente», ha subito affermato Comey. «E capii che sarei potuto essere licenziato dal Presidente per qualsiasi motivo o per nessuno».

Ma i motivi addotti a sostegno del licenziamento non sono molto chiari allo stesso Comey che lo dichiara apertamente dinanzi al Senato. «Avevo la sensazione che qualcosa stava per accadere e capivo che dovevo stare molto attento. Ricordo che pensavo che ci potessero essere sviluppi inquietanti». Prima tanto apprezzato dallo stesso Trump e poi accusato di aver gestito male la vicenda delle e mail di Hillary Clinton. «LAmministrazione Trump ha scelto di diffamare me e lFBI, e ha mentito su di me e sull’FBI», ha sparato Comey «L’FBI è onesta. L’FBI è forte. E l’FBI è e sempre sarà indipendente», ha affermato un po’ provato ma risoluto.

«Non cè alcun dubbio che la Russia abbia interferito nelle elezioni americane. Ma ho fiducia che nessun voto sia stato alterato», ha detto, ribadendo le indiscrezioni ormai di dominio pubblico. «C’è stato uno sforzo massiccio da parte di Mosca di colpire le elezioni presidenziali americane e l’FBI seppe dei tentativi di hackeraggio da parte dei russi alla fine del 2015». Un tentativo di compromettere il processo elettorale, come spiega lo stesso. «Non sta a me dire se c’è stata ostruzione alla giustizia», risponde Comey affermando che Trump non gli ha mai ordinato in maniera esplicita di bloccare le indagini sul Russiagate e sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn. Sarebbe stato, quindi, lo stesso Comey ad avere male interpretato le parole di Trump come un ordine. E Trump «non era sotto indagine quando io ero direttore» ha precisato lo stesso.

La reazione della Casa Bianca alle dichiarazioni di Comey è arrivata fulminea. «Il Presidente non è un bugiardo». «Trump è soddisfatto che l’ex capo dell’FBI James Comey abbia confermato che il Presidente non è sotto inchiesta in alcuna indagine sulla Russia», fanno sapere. Anche il legale di Trump, Marc Kasowitz, non perde tempo e precisa che «Trump non ha mai suggerito all’FBI di mettere fine alle indagini su qualcuno». Per giunta, il Presidente non avrebbe mai «chiesto fedeltà» a Comey.

Il clima rimane più che teso e un’intesa tra le istituzioni americane sembra ancora lontana. Abbiamo chiesto a Daniele Scalea, analista geopolitico e direttore generale presso l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) di spiegarci come potrà evolvere ora la situazione americana.

Cosa comporterà in USA la deposizione di Comey?

Sicuramente andranno avanti ancora a lungo le polemiche relative a questi fatti. La possibilità che poi queste arrivino ad uno sbocco concreto, e l’unico sarebbe la deposizione di Trump, sono molto poche, nel senso che in questa deposizione non ci sono stati elementi altamente compromettenti. Si, ci sono elementi che potrebbero essere alla base di un’indagine per poi arrivare ad un’accusa di ostruzione alla giustizia, ma anche se si arrivasse a ciò, cosa già secondo me improbabile, bisognerebbe sempre passare per il Congresso che dovrebbe votare l’impeachment. Quindi, considerando che adesso il Congresso è a larga maggioranza repubblicana, è vero che nel mezzo potrebbero esserci le elezioni di medio termine e che potrebbero cambiare le cose, però, diciamo che sono tante cose improbabili che dovrebbero verificarsi tutte assieme.

In termini di sicurezza potrebbe succedere qualcosa?

Sicuramente la vittoria di Trump non è stata accolta molto bene da una parte della società americana, ci sono stati episodi di intolleranza e di violenza e continueranno ad esserci, ma non sono cose che mettono a rischio la stabilità del Paese.

Qual è l’effetto che potrebbe avere verso il resto del mondo?

La spada di Damocle in cui è intrappolato Trump  ha pochissime probabilità di arrivare ad un qualcosa di ‘formale’, anzi; Comey ha detto che non è mai stato sotto indagine ufficiale da parte dell’FBI. Però, è sempre una cosa che indebolisce l’autorevolezza, perché, per quanto poco probabile, Trump potrebbe essere messo in stato di accusa nei prossimi anni o, comunque, anche se non si arrivasse a questo, la sua autorevolezza potrebbe essere messa in seria discussione. Non è solo questione di opinione pubblica, ma è anche questione della sua capacità di controllare gli apparati. Una delle cose che Comey ha ammesso apertamente è che sono state fatte filtrare informazioni riservate alla stampa per il tramite di alcuni amici professori universitari. Il senso è che se sono filtrati anche dei dettagli della conversazione di Trump ed altro, sostanzialmente, significa che il sistema di sicurezza e di informazioni americano adesso è un po’ un colabrodo. E non solo per le cose che riguardano Trump. Pensiamo, ad esempio, a ciò che è successo con gli inglesi in merito alle indagini antiterrorismo; non è che possano essere considerati massimamente affidabili. Questo perché c’è qualcosa dietro il sistema che non funziona o che qualcuno non vuole far funzionare, evidentemente, anche degli scontri interni istituzionali che poi sfociano in risultati come questo, cioè informazioni che dovrebbero rimanere gelosamente custodite, vengono continuamente messe sulla stampa. Questo, chiaramente, mette in imbarazzo anche gli interlocutori esterni perché non sanno quali cose possono dire o meno.

Crede che faccia esplodere maggiormente la non capacità di Trump di mantenere il Paese?

Secondo me non ci saranno effetti catastrofici anche perché vedo sempre dei fortissimi parallelismi con la vicenda di Silvio Berlusconi in Italia e visto che, fino ad ora, le analogie hanno sempre più o meno tenuto, credo che possano tenere anche su questo. Il fatto che a Berlusconi siano state fatte accuse gravissime e che è stato messo sotto processo, ha aumentato la base di supporto intorno a lui, un supporto che ha visto tutto come un accanimento giudiziario ed un tentativo di delegittimare, non solo la figura del Presidente, ma, soprattutto, dell’elettorato che rappresentava;  quindi, non mi stupirebbe se anche negli USA tutto questo faccia paradossalmente acquistare consensi a Trump e, quantomeno, rendere più solido e fedele quel consenso che l’ha portato alla Presidenza.

In cosa consisterebbe la messa in stato di accusa di Trump?

Posto che un primo filone è quello sul Russiagate e l’eventuale collusione con i russi, sul quale per adesso non c’è alcun elemento concreto ed anche la deposizione di Comey ha confermato sostanzialmente che non c’è moltissimo dietro questa accusa, tutti gli episodi che abbiamo sentito finora sono stati marginali e, tra l’altro, successivi alle elezioni, quindi, non c’è  molto che lasci pensare che c’è prova del fatto che Trump fosse colluso con i russi. Personalmente, penso anche che l’idea sia abbastanza fantasiosa; che i russi siano riusciti a mettere un loro uomo alla Casa Bianca, non mi sembra molto credibile. Quindi, scartando l’idea che il Russiagate in sé possa arrivare a qualcosa di concreto, l’altra possibilità è proprio quella legata alla vicenda di Comey, cioè la possibilità di dire che Trump  ha cercato di ostruire la giustizia. Su questo, gli elementi sono quelli che già erano noti e che sono stati confermati in questa udienza, cioè, la sua richiesta un po’ ambigua di non accanirsi su Flynn che per Trump era una ‘speranza’ di non accanimento, mentre, per gli altri, una pressione per bloccare tutte le indagini sul Russiagate; ecco, il prevalere di questa seconda interpretazione è cosa, secondo me, molto difficile perché l’accusa richiede sempre prove più dure della difesa. Si tratta di una differenza di interpretazione di un capo dell’FBI, quindi, di una figura autorevole; però, dall’altra parte c’è sempre il Presidente degli Stati Uniti ed è una bella lotta andare a dire che ha fatto ostruzione alla giustizia sulla base di una frase percepita in un modo o nell’altro, è abbastanza difficile. A quel punto, il rapporto andrebbe pubblicato, i democratici chiederebbero l’impeachment ma dovrebbero comunque ottenere il sostegno del Congresso, che, attualmente, è a maggioranza repubblicana.

Cosa sta succedendo all’interno del partito repubblicano?

Credo che i repubblicani tradirebbero Trump solo se la situazione andasse fuori controllo, cioè se arrivassero delle prove o delle cose su cui non si può più controbattere, se ci fossero cose che non si possono difendere; a quel punto sarebbero costretti a scaricarlo. Ma stiamo parlando di un caso estremo in condizioni estreme. In tutti gli altri casi non lo farebbero e non tanto perché Trump goda di una vasta simpatia all’interno del partito (è vero casomai il contrario), ma perché se i repubblicani cacciassero il loro stesso Presidente che ha vinto le primarie dicendo che lui era stato comprato da una potenza nemica, è chiaro che il partito subirebbe un colpo alla sua credibilità da cui si riprenderebbe, se va bene, fra 20, 30 anni. Non rischierebbero mai di fare una cosa del genere. Più Trump è in difficoltà in queste indagini, più ha bisogno dell’appoggio del suo partito e questo lo rende, d’altro canto, più controllabile. Può crearsi una situazione, non dico ideale, ma non svantaggiosa per i repubblicani.

Cosa ne dobbiamo trarre da questa deposizione?

Si conferma lo scontro in atto all’interno delle istituzioni americane che prevede anche dei colpi bassi nelle procedure che sono totalmente fuori dall’ordinario; il fatto che Trump abbia licenziato Comey, i suoi tentativi di ammorbidirlo sulle indagini ed il fatto che Comey abbia passato informazioni alla stampa (informazioni che non dovrebbe avere), crea una situazione di confusione e di lotta interna. E le rivelazioni alla stampa sono evidentemente solo la parte visibile di un qualcosa che, però, va molto più a fondo; questo è un grosso problema per gli USA, perché, se c’è una crisi interna totale, avrà diverse conseguenze che non sono solo di immagine, ma anche di efficienza. Nessuno si fida dell’altro e tutti potrebbero cercare di sabotare le iniziative dell’altra agenzia, piuttosto che dell’altro dipartimento, quindi, il pericolo è che l’azione degli USA si faccia particolarmente debole nei prossimi anni. Questo, secondo me, è il vero problema. Da un punto di vista strettamente politico, invece, la questione è che Trump sarà molto dipendente dall’appoggio del suo partito, il quale non lo scaricherà se non nella situazione improbabile in cui ci saranno accuse contro di lui. Mentre, d’altro canto, le indagini che pendono su Trump lo rendono più malleabile e docile, come del resto è stato fino ad ora;  infatti, per ora si è abbastanza piegato a quelle che sono state le direttive del suo partito. Non ha cercato uno scontro con i suoi e diminuiscono sempre di più le possibilità che possa o voglia farlo.